Playa del Carmen e Tulum offrono chilometri di spiagge
bellissime. Ma lungo la costiera della Riviera Maya ce ne
sono tante altre da scoprire.Eccone alcune.
Playa del Secreto e Playa Paraíso. Queste due spiagge
esprimono il fascino del Caribe messicano in una singolare
atmosfera di tranquillità e distensione. Qui vivono granchi
e tartarughe marine. In tutta la zona è possibile alloggiare
in capanne; Playa Paraíso offre anche alberghi di varie
categorie.
Punta Maroma e Punta Bete. Altri luoghi incantevoli del
«Caribe» che alternano vasti arenili di sabbia bianca a
coste frastagliate di roccia calcarea. Piccoli alberghi e
capanne forniscono aivisitatori i servizi essenziali.
Punta Tres Ríos. È un parco naturale che non ha subito
vistosi interventi della mano dell’uomo. È ubicato a soli
cinque minuti da Playa del Carmen. Sarà piacevole
esplorare la zona in kayak o a piedi; sarà poi un’esperienza indimenticabile nuotare o navigare in uno dei tre fiumi
che danno il nome al luogo. L’estuario, habitat di una ricca e varia fauna, o la vicina scogliera adatta per lo snorkel,
sono altre due interessanti attrattive. Le spiagge sono l’ideale per i bagni di sole, le cavalcate o le camminate.
Ingresso a pagamento.
LE SPIAGGE
Sopra, veduta
della spiaggia
di Akumal.
Sotto, una passeggiata
a cavallo.
Xcalacoco. Ubicato a soli cinque minuti a nord di Playa del Carmen, presso Punta
Bete. Insieme a Paamul e Tankah, si pensa sia stato uno degli antichi porti
commerciali facenti parte dell’antica rete di navigazione maya. Oggi, alcuni resti
archeologici testimoniano la presenza
dell’antico insediamento maya, ma la caratteristica della zona è che in essa è
possibile accamparsi in mezzo alle palme e godere della vista del mare, in un’
atmosfera di totale distensione.
Paamul. Paamul è un luogo di quiete, preferito da chi sceglie la natura per
interrompere il ritmo frenetico della vita, e dove ci si può anche dedicare ai vari
sport acquatici, tra cui le immersioni. Paamul è il rifugio delle tartarughe marine che
vi depongono le uova, di notte, tra i mesi di maggio e luglio, per la gioia degli
appassionati di turismo ecologico. Questa baia, ubicata a metà strada tra Puerto
Aventuras e Xcaret, dopo Calica, offre la possibilità di alloggiare in caratteristiche
capanne, dove si vive quasi all’aria aperta, a stretto contatto con la natura.
Puerto Aventuras. È un complesso turistico esclusivo, bello e discreto, preferito
da quei turisti che desiderano, per la loro vacanza, tranquillità non priva di confort.
Una delle principali attrattive di Puerto Aventuras è il porto turistico a cui attraccano
numerosi yacht, e in cui abbondano ristoranti e bar che si affacciano sull’
incantevole panorama dell’intera area. Nel famoso delfinario «Dolphin Discovery» il
visitatore vivrà l’emozionante esperienza di nuotare insieme ai delfini e ai lamantini.
Il Museo Cedam, che esibisce numerosi oggetti recuperati dai naufragi, si rivelerà
di grande interesse per gli appassionati di navigazione.
Kantenah. Presso la scogliera corallina, pochi chilometri a sud di Puerto
Aventuras, si trova una delle spiagge più tranquille e affascinanti della Riviera
Maya: Kantenah, un luogo ideale per il riposo e la riflessione, in mezzo alle palme e
di fronte a uno dei paesaggi più belli del mondo.
Akumal. In lingua maya «terra delle tartarughe», Akumal è un piccolo villaggio a
nord di Tulum, a 37 km da Playa del Carmen. È una delle località più tranquille
della Riviera Maya, il rifugio preferito da chi ama la pace assoluta della solitudine e,
come dice il suo nome, dalle tartarughe che ogni anno vi tornano per deporre le
uova. Ma il singolare fascino di Akumal è rappresentato dall’azzurra trasparenza
della sua baia e dalle limpide e fresche acque delle grotte e dei fiumi sotterranei.
La laguna di Yalkù. A nord di Akumal si trova la laguna di Yalkú. Una bella baia di
sabbia bianca, bagnata dalle acque azzurre del Mar dei Caraibi e circondata dalla
giungla: un luogo perfetto per il riposo e la tranquillità. I fondali bassi della spiaggia
sono l’ideale per i bambini. Un buon ristorante che offre eccellenti piatti di frutti di
mare e pesce fresco, un albergo con tutte le comodità e la possibilità di accamparsi
senza difficoltà completano il gradevole quadro.
Boca Paila e Punta Allen. Lontani da luoghi affollati, dal frastuono della città o di
paesi più evoluti, Boca Paila e Punta Allen sono la meta perfetta per chi cerca un
autentico contatto con la natura allo stato puro. Per gli appassionati di pesca il sito
dispone di alloggi in grado di fornire la completa attrezzatura.
La biosfera di Sian Ka’an. Boca Paila e Punta Allen sono situati nella Biosfera di
Sian Ka’an, un’area verde protetta in una piccola penisola non snaturata dalla
mano dell’uomo. Si arriva a Punta Allen percorrendo la strada federale 307,  e
passando per la zona alberghiera di Tulum. È un luogo perfetto per il turismo
ecologico: vi si possono ammirare colonie di aironi, coccodrilli e lamantini, oltre alla
rigogliosa flora di una delle riserve naturali più vaste del mondo. ll paese di Punta
Allen, che conta circa 600 abitanti la cui occupazione principale è la pesca dell’
aragosta, ha un piccolo ospedale e negozi di prodotti regionali. I visitatori possono
trovare alloggio nelle case dei pescatori e gustare la squisita cucina locale in
piccole trattorie familiari.
© 2008 Il Sole d'Italia S.A. de C.V.